Una delle cose piu frustranti per chi realizza video e lavorare ore e ore per crearlo, è poi vedere magari che questo raggiunge al massimo qualche decina di persone. Ci sono vari modi per aumentare le visualizzazioni e se stai pensando di acquistare uno di quei servizi che te ne promettono a migliaia per qualche euro, aspetta un attimo! C’e una strada più lenta ma migliore da provare prima di, eventualmente, acquistare visualizzazioni.

Oggi vediamo quindi 7 passi per aumentare le visualizzazioni dei tuoi video.

La premessa però è che i contenuti che produci piacciano ai tuoi spettatori, ovviamente. Quindi niente di quello che ti sto per dire puo esserti di aiuto se la maggior parte del pubblico non gradisce quello che produci. La qualità al primo posto, sempre! Detto questo, partiamo col primo passo.

PASSO 1 – LATO SEO

YouTube e il secondo motore di ricerca a livello mondiale, perciò è fondamentale capire come ottimizzare i propri video quando gli utenti inseriscono parole chiave del nostro settore nel box di ricerca.

Tra questi ci sono ovviamente i Titoli, le descrizioni, i tags e i sottotitoli. Se questi aspetti sono tenuti in considerazione ed ottimizzati in fase di caricamento, hai molte più chance di posizionare i tuoi video rispetto alla concorrenza.

PASSO 2 – COPERTINE

Come saprai una buona parte delle visualizzazioni può arrivare dai video suggeriti, ossia quando il tuo video appare tra quelli suggeriti appunto mentre l’utente ne sta guardando un altro o al termine di un altro video. Inutile dire che una copertina ben fatta, che graficamente riesca a comunicare il valore che la persona avrà dal guardarlo, attirerà il click e quindi la visualizzazione.

Il consiglio quindi e quello di non utilizzare una di quelle che Youtube crea in automatico, ma di realizzarle manualmente in maniera tale da attirare quanti più spettatori possibili.

Anche in questo caso, come in altri, un occhio alla sezione analytics, che può aiutarci a capire se modificando qualcosa stiamo andando nella direzione giusta o meno, in particolare osservando il CTR, ossia click per impressioni, una metrica percentuale.

PASSO 3 – ANNOTAZIONI , END CARD E PLAYLIST

Questi 3 strumenti aiutano a fare in modo che quando la persona termina la visualizzazione di un video, o anche durante, invece di chiudere il browser o guardare un video di un concorrente, possa essere re-indirizzato verso un altro nostro video.

Se ne hai uno che sta andando meglio di altri, potresti usare le annotazioni, le end card o le schede per linkare ad un video che pensi potrebbe essere utile ma che non ha il numero di visualizzazioni che desideri ancora. Oppure, potresti inserirlo in una playlist, nella quale ovviamente al termine di ogni video parte in automatico quello successivo.

Le end card infine sono un altro strumento molto utile per collegare un video ad un altro, quindi se ancora non hai iniziato ad usarle, ti suggerisco di farlo.

PASSO 4 – ISCRITTI

Un buon canale su Youtube è quello che cresce sia in termini di visualizzazioni che d’iscritti. Se riesci ad aumentare entrambi, vuol dire che gli utenti apprezzano molto i contenuti che condividi e con l’iscrizione ti danno prova di voler vedere video simili in futuro.

Quindi, nella tua strategia per aumentare le visualizzazioni ci deve rientrare anche quella di aumentare gli iscritti. La cosa che noterai è che più aumentano, più aumenteranno a loro volta le visualizzazioni ogni volta che carichi un nuovo lavoro.

PASSO 5 – ADWORDS PER I VIDEO

Youtube fa parte di Google come forse saprai, e di conseguenza è molto veloce impostare campagne video dentro la dashboard di Adwords stesso. E’ possibile creare campagne per aumentare le visualizzazioni facendo apparire il video. come pre-roll prima di video che trattano argomenti simili oppure complementari.

E si, lo so, all’inizio ho detto di non acquistare visualizzazioni ma, più avanti è un investimento che si può provare per dare una spinta, purché si acquistino visualizzazioni reali, che sia tramite Adwords appunto o agenzie specializzate come Lenos.

La cosa importante naturalmente è riuscire a trovare un pubblico che possa essere interessato al nostro messaggio, piuttosto che spararlo di fronte a migliaia di persone a cui magari non interessa per niente.

PASSO 6 – COLLABORAZIONI

Uno dei modi migliori per aumentare le visualizzazioni gratuitamente consiste nel trovare altri creatori nel nostro ambiente o in settori simili che abbiano già un pubblico a cui interessa quello che offriamo noi. Una volta contattati, si può provare a creare video insieme, in cui si offre valore agli utenti con argomenti che magari il creatore stesso di solito non tratta ma che comunque sono di interesse per il loro pubblico.

La chiave qui sta nel dare valore il più possibile prima di chiedere al creatore di poter fare una cosa del genere e prima di chiedere agli utenti di venire a visitare il nostro, di canale.

PASSO 7 – CONDIVIDERE SU ALTRE PIATTAFORME

Un altro strumento che può aiutare un canale appena avviato ad aumentare le visualizzazioni e quindi a crescere consiste nel condividere il video su altre piattaforme dove magari abbiamo già una presenza più solida e avviata.

Alcuni esempi potrebbero essere il proprio sito web, la newsletter che inviamo a chi si e iscritto oppure sui social come Facebook. Su quest’ultimo ormai è chiaro che i video caricati nativamente hanno una performance migliore in termini di quante persone possono raggiungere e l’interazione con questi, tuttavia alcuni creatori hanno sperimentato alcune strategie con successo, come ad esempio caricare un teaser di 30 secondi su Facebook invitando poi gli utenti a vedere la versione integrale su YouTube.

Questi sette passi potrebbero sembrare semplici, ma non lo sono. Se riesci a implementarli tutti, hai la chiave per un canale che crescerà nel corso del tempo e che sfrutterà appieno la piattaforma. Spero di esserti stato utile!

Categorie: YouTube

0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *